Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su LinkedIn Seguici su Pinterest Seguici su Google Plus Seguici su You Tube
A A A
  • SEDI
  • ALBERGHI
  • SERVIZI

Cerca Hotel

Check-in

Check-out

PRENOTA
Le celebri piazze

Sul Colle Capitolino dove nel VI secolo a.C. sorgeva il Tempio di Giove Capitolino - in assoluto il tempio più importante - si trova oggi Piazza del Campidoglio. Ma si deve aspettare il 1538 perchè Michelangelo realizzi la piazza a forma di stella, la facciata del Palazzo Senatorio (sede del Comune di Roma fin dal 1143) e i Palazzi che ospitano i Musei Capitolini, i più antichi musei del mondo. Al centro della piazza si erge la copia della statua di Marco Aurelio, il cui originale è all'interno dei musei. Un breve collegamento porta alle Terrazze del Vittoriano, o Altare della Patria, monumento dedicato a Vittorio Emanuele II e al Milite Ignoto. Al suo interno sono visitabili il Museo del Risorgimento e il Sacrario delle Bandiere.

Di fronte all'Altare della Patria si apre Piazza Venezia (il nome nasce dalla presenza di un imponente palazzo di origine veneziana voluto da papa Paolo II nel sec. XV). Qui in origine vi era un bel quartiere rinascimentale dove visse il grande Michelangelo. Nel 1929, sotto il fascismo, divenne sede del Capo Governo e teatro principale delle grandi adunate mussoliniane.

Percorrendo Via del Corso si giunge a Piazza Colonna, così chiamata dall'alta colonna marmorea del II secolo. Centro della vita politica e sociale della città - la sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri è a Palazzo Chigi, luogo di celebri caffè e famosi eventi.

L'itinerario nel centro di Roma continua passando davanti a Palazzo Montecitorio, sede del Parlamento italiano, per giungere poi in Piazza della Rotonda, ancor più nota come Piazza del Pantheon. Il Pantheon, vero capolavoro artistico, è l'opera meglio conservata dell'antica Roma. In origine realizzato da Agrippa, genero dell'imperatore Augusto, questo tempio - dedicato a tutti gli Dei - fu completamente ricostruito dall'imperatore Adriano al principio del sec.II ed è rimasto praticamente intatto fino ai giorni nostri. Il diametro della cupola di copertura misura ben 43,30 metri, ed la più grande mai realizzata in calcestruzzo, maggiore della cupola di S. Pietro. L'edificio è una figura geometrica perfetta: si tratta di una sfera inserita in un cilindro. La cupola, realizzata con materiali diversi e sempre più leggeri verso l'alto, termina con un grande foro aperto dal diametro di 9 metri. Alcuni tombini presenti sul pavimento del tempio raccolgono l'acqua piovana che entra dal foro. Il Pantheon è oggi un sacrario dei re d'italia e contiene le tombe di Vittorio Emanuele II, Umberto I e Margherita di Savoia. Inoltre in un sarcofago antico si trova la tomba del famoso artista Raffaello Sanzio.

Pochi passi per arrivare nella splendida Piazza Navona, una delle piazze più belle di Roma. E' ben visibile l'originale forma della piazza che riprende il perimetro dell'antico stadio di Domiziano costruito nell'86 d.C. per le gare di atletica. La chiesa di Sant'Agnese in Agone (dal latino "agones" che significa "giochi") è il luogo in cui, secondo la tradizione, fu esposto il corpo nudo della piccola martire Agnese, vittima delle violente persecuzioni di Diocleziano nel sec. III d.C. Si narra che il corpo venne miracolosamente coperto da lunghi capelli cresciuti all'improvviso. Piazza Navona deve la fisionomia moderna all'intento della nobile famiglia Pamphili che, nel sec. XVII, volle farla diventare una delle zone monumentali più affascinanti e scenografiche di Roma. Uno degli spettacoli più divertenti era il cosiddetto "lago" che si svolgeva in piazza nei mesi estivi. La bocca del mostro della Fontana dei Fiumi, unico punto di scarico delle acque della fontana, veniva chiusa, causando l'allagamento della piazza e di tutto ciò che conteneva, compreso carrozze e persone che ne approfittavano per bagnarsi e dissetarsi. A fine Ottocento l'usanza venne proibita per motivi igienici.

Il viaggio si conclude con Piazza di Spagna. Fin dal Seicento fu il punto d'incontro di viaggiatori di tutta Europa che si incontravano in caffè e botteghe con pittori e scrittori di fama internazionale, testimoniando la vivacità sociale e artistica della piazza. Nel 1857 fu innalzata la colonna dell'Immacolata Concezione della Vergine, voluta da Pio IX per celebrare il Dogma della Vergine. Da allora, ogni 8 dicembre, viene reso omaggio alla Madonna alla presenza del pontefice.

Iscriviti alla newsletter
 
Privacy