Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su LinkedIn Seguici su Pinterest Seguici su Google Plus Seguici su You Tube
A A A
  • SEDI
  • ALBERGHI
  • SERVIZI

Cerca Hotel

Check-in

Check-out

PRENOTA
Il Barocco

L'età del Barocco è quella che più ha caratterizzato la Città Eterna attraverso la realizzazione di palazzi, fontane, piazze e chiese, simbolo del trionfo della Chiesa sul riformismo protestante.

Immagine di teatralità, stupore e meraviglia, il Barocco è ciò che meglio ha forgiato Roma, dandole quel volto che la contraddistingue, ancora oggi, nel mondo. Gian Lorenzo Bernini e Francesco Borromini furono i due grandi artisti protagonisti e rivali di questa stagione.

L'itinerario inizia dalla chiesa di Santa Maria della Vittoria dove è possibile ammirare la grandiosa Estasi di Santa Teresa del Bernini; del Borromini è invece il progetto della chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane, in Via del Quirinale, estroso elemento architettonico ornato da fantasiosi decori in stucco.

Sulla stessa via si trova la chiesa di Sant'Andrea al Quirinale, importante opera del Bernini, definita "la perla del Barocco" per i preziosi materiali utilizzati nella costruzione e per le decorazioni in oro e stucco.

Il Palazzo del Quirinale, residenza pontificia estiva per molti anni, nel 1870 divenne sfarzosa reggia dei Savoia. Oggi è la sede del Presidente della Repubblica. Il Palazzo è visitabile ogni domenica mattina dalle 8.30 alle 12.30, mentre ogni domenica pomeriggio alle 16.00 si svolge il solenne "Cambio della guardia". Di fronte sorgono le Scuderie Papali, uno dei più importanti centri d'esposizione d'arte della città.

Nella chiesa di Sant'Ignazio si può ammirare il capolavoro di Andrea Pozzo, uno splendido trompe-l'oeil di una finta cupola, alta espressione di pittura barocca.

Superato il Pantheon si arriva in Piazza Sant'Eustachio, dove si può ammirare il capolavoro del Borromini, la cupola di Sant'Ivo alla Sapienza, concepita per essere la cappella dell'Università di Roma istituita nel 1303 da Bonifacio VIII.

L'itinerario sul Barocco non può che concludersi in Vaticano, dove Gian Lorenzo Bernini ha lasciato numerose testimonianze del suo talento, a cominciare dallo splendido Colonnato di S.Pietro: le 284 colonne sono disposte su quattro file, ma se l'osservatore si pone su uno dei due fuochi dell'ellisse, segnalati da un disco di granito, sembra che il colonnato sia formato da una sola fila di colonne! All'interno della basilica altre meraviglie come il gigantesco baldacchino, alto ben 29 metri, eretto sopra l'altare, il luogo dove, secondo la tradizione sarebbe stato sepolto S.Pietro. Sul fondo dell'abside si trova la Cattedra, la grande sedia in bronzo raffigurante la sedia episcopale di S.Pietro, sorretta dalle grandi statue dei Dottori della Chiesa.

Iscriviti alla newsletter
 
Privacy